20.3.06

Ce Parig' avess'u mare...

U dialètt nest
Arturo Santoro


Quànn che nù dialètt se pòte scriv’nvèrs,
non ze pòte disce ca jè tjimb pèers!
Ci tu va a nù paìse, ce gìre u mùnne sàne,
ce sacce… va a Nàbbue, a Rom’o a Melàne,
e pàrl che la gènde, ma che la gènda drètt,
tu sjìnd’a tùtt vànn, ca pàrlene dialètt.
Jì m’addemann’angòre, percè mò, sùl’a Bare
Se mètten’a pavùre a parlà come nge pàre?
Ci dìsce ca jè brùtt, cùss dialètt nèst,
o non ganòsce u mùnn, o jè nù càpe tèst.

5 commenti:

Angel ha detto...

Grande Maat!
Mai disdegnare le proprie origini.
Mi hai risollevato il pomeriggio...ritorno ad OC.
Bacini,
ANGEL.

Stefania ha detto...

Al diavolo il fanciullino, Lino Banfi DEVE esser in ognuno di noi (fai caso al commento che t'ho fatto ad altro post : molto importante essere !)

S.

Maat ha detto...

Eheheh.

Carissima... il concerto ovviamente sta già pensato!! Per caso hai idea di quanto costa il biglietto? Volevo passare da Underground a chiedere, ma in questi giorni sono stata quel po' congestionata e non ho fatto a tempo.

Isf? Cosa vuoi sapere esattamente?? Chiedi e ti sarà dato! :D

Stefania ha detto...

Per il concerto fatemi sapere come dobbiamo organizzarci, noi siamo in 2,io ed un mio amico. Per quanto riguarda gli ISF, vorrei sapere prima di tutto per iscriversi, servono delle capacità o titoli particolari, cose che si fanno, etc etc .. capì ?

S.

roccia ha detto...

Ho trovato questa poesia cercando informazioni su Arturo Santoro, poeta vernacolare, a cui domani sarà intitolata una strada a San Girolamo.

I casi della vita.. :D